Pages

Labels

giovedì 13 giugno 2013

Dance is Revolution


[Gezi Park - Istanbul . Manifestanti ballano il tango durante una carica della polizia]


Potrei credere solo a un dio che sapesse danzare . 
E quando ho visto il mio demonio , l' ho sempre trovato serio , radicale , profondo , solenne : era lo spirito di gravità , grazie a lui tutte le cose cadono . 
Non con la collera , col riso si uccide . 
Orsù , uccidiamo lo spirito di gravità !
Ho imparato ad andare : da quel momento mi lascio correre . 
Ho imparato a volare : da quel momento non voglio più essere urtato per smuovermi . Adesso sono lieve , adesso io volo , adesso vedo al di sotto di me , adesso é un dio a danzare , se io danzo . 

( F. Nietzsche - Così parlò Zarathustra )

Nel ballo, da anni, ci vedo una piccola forma di rivoluzione.
E questa foto mi accende l'anima, mi brucia nelle gambe, nelle braccia, sul collo del piede.
Il mio Dio è armonioso, è figlio dell'arte.
Il mio Dio è leggero, il mio Dio non è malato di fisica nè di gravità.

Il mio Dio, balla.

30 commenti:

  1. E' un Dio capace di amore e dolcezza, quello che danza.
    E' anche il mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bello sapere che le nostre divinità si somiglino :)

      Elimina
  2. Mi unisco a Gioia.
    Un post molto bello.
    Daffo

    RispondiElimina
  3. tu sei giovane. ma posso solo dirti che contrariamente a quanto si diceva all'epoca, la febbre del sabato sera fu un film rivoluzionario.....

    RispondiElimina
  4. Il tuo Dio è differente, questo lo rende un po' più vero :)

    RispondiElimina
  5. un Dio che balla è contrario all'iconografia a cui siamo abituati. Dove spesso è raffigurato serio e severo. Ma non sempre quello che l' uomo dice è verità. Anzi. Preferisco anche io pensare ad un Dio allegro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due :)
      Grazie per il tuo passaggio

      Elimina
  6. Non amo il ballo, probabilmente perchè mi sento terribilmente goffo e la musica per ballare non è quella che piace a me. Però,hai assolutamente ragione : il ballo è libertà,è tendenza all'assoluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato una certa ritrosia maschile nei riguardi del ballo.
      Ho pregato la mia metà di venire a ballare con me e mi ha risposto utilizzando parole molto simili alle tue :(

      Pazienza. ;)

      Elimina
  7. Come Blackswan, non sono molto "pro ballo", anzi... ma il concetto è interessante e condivisibile :) Poi certo, io mi fermerei un attimo prima per vedere se poi c'è proprio il Dio alla base... che certe volte... il dubbio mi viene, e mi spiace chiaramente però... così è ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il dubbio sul divino sia uno dei tarli più grandi ed immanenti nella natura limitata dell'uomo.

      Beviamoci su, nel dubbio ;)

      Elimina
  8. p.s: ah, ti ho aggiunto ai blog che seguo, così ti ritrovo direttamente sulla destra del mio blog... spero non ti spiaccia! ;)

    RispondiElimina
  9. Bellissimo accostamento...in fondo il ballo è vita!!

    RispondiElimina
  10. in fondo la vita è un continuo danzare.

    RispondiElimina
  11. Ballo e danza fanno stare bene.
    Muovono il corpo, lo spirito. Muovere il corpo fa muovere la mente.
    Muovere la mentre fa pensare.
    Persone che pensano e osservano non vanno bene per il potere che desidera masse manipolabili e gregarie.
    Persone che stanno bene sono meno condizionabili e meno controllabili.
    Danza e ballo sono quindi rivoluzionari o, forse più precisamente, anarco-sovvertitori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un concentrato dei temi a me più cari, il tuo commento.
      Sapevo che avrei toccato anche la tua anima, lo immaginavo.

      Saluti

      Elimina
    2. Ho una colonna (USA stato canaglia) nella quale cerco di evidenziare alcune delle azioni di egemonia, sfruttamento, e violenza di quello stato sul resto del mondo.
      Un mio amico caro che ando' ad una comunita' spiritual-olistica texana, al ritorno, l'anno scorso, mi disse che per distruggere le comunita' indigene anche e soprattutto a livello culturale, in molti stati USA sono state stabilite norme con pene severissime che bandiscono danze e canti dei nativi.
      Ecco a qual punto di finissima e distruttrice, alienante violenza si spingono quelli. Poi alcuni credono ancora che i cattivi del mondo siano i russi o i giappi o i nazi.
      Ecco, distruggo te e le tue danze. Perche' esse ti possono liberare.

      Elimina
  12. ora che mi ci fai pensare..è una vita che non ballo!! dovrei ricominciare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirlo a me.... Sono ferma da troppo.

      Elimina
  13. fui una precoce danzerina...
    feci anni di danza, classica e moderna...
    poi stop...
    giusto quattro passi falsi in discoteca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto solo classica, per 14 anni.
      Poi niente, ferma.
      Orrendo. -.-

      Elimina
  14. Che dire? ... il ballo è la liberazione del corpo, e spesso e volentieri le donne, esseri liberi, nel corpo e nella mente, sono più propense a ballare. Pochi gli uomini (vedi qui, nelle risposte, alle quali aggiungo la mia: ballato poco, per non dire nulla, a parte il muovere la coda ai concerti rock, che è cosa diversa da come si intende il ballo, anche se è molto liberatorio). Se non si balla, non è la mia rivoluzione, c'era scritto in un blog che seguivo ...be', direi che sarebbe in linea con il tuo scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frase della Goldman.
      Una delle più grandi anarchiche della storia.

      Grande alli.

      Elimina

Leggere è una forma sofisticata di ascolto. Grazie, anche per le tue parole.

 

Blogger news

Blogroll

About