Pages

Labels

domenica 21 luglio 2013

Erasmus

[Google's pic]

"Devo prendere il treno per andare a Milano,
 a Torino, A Bologna insomma devo scappare, 
 chè qui in Calabria non c'è niente, proprio niente da fare 
 c'è chi canta e chi conta e chi continua a pregare. "
[Rosa - Brunori SAS]

"Ti vesti come una vecchia." Esordisce la mia amata sorella.
"Eh?" "Come una vecchia."
"Ma in che senso vecchia?" "Con le robe da vecchia, i pantaloni aderenti e le zeppe, le camicie. Da vecchia, non mi far spiegare, dai."

Sì, di base mi sto invecchiando da sola.
Passare da borchie, pantaloni strappati sul ginocchio, magliette e spilloni a 'ste robine, oggettivamente, fa vecchia.

Tutto iniziò da quando m'iscrissi nel posto in cui sto. Scappata dal paesello, finita a Roma, in un ateneo che non è esattamente il top in quanto a gesta proletarie. Non amo omologarmi, mi disturba e mi mette tristezza. Tuttavia ho iniziato a poco a poco, senza accorgermene. Via i braccialetti, via i jeans strappati, via la kefiah. Via la birrozza, le unghie nere, le serate di ubriacatura pesante. Via gli zainetti di canapa, le gonne gipsy, le maglie del Comandante. Via il fidanzato.

Probabilmente è crescere, mutarsi esteriormente.
Perchè dentro profumo sempre di rivoluzione, di gesta estreme, di megafoni nelle piazze, di Bakunin e Malatesta, di 99 posse.

Sorrido davanti alle mie lunghe unghie laccate in rosso, curate. Mai riuscii ad averne così, finivo per mangiarle e buonanotte al secchio.

Ma quest'anno mi allontano un pò da me, da questi vestiti attillati e questo intimo di pizzo.
Da questi stiletti e dai capelli, ormai, lunghi.
Faccio domanda d'erasmus, vedo di andare in Scandinavia. 

Mi manca Roma, c'è da dire anche questo.
Mi manca l'amaro con Anita, la luce fioca della camera piena di libri medici.
Mi manca anche il Primario che mi sorride in sala operatoria e mi fa una carezza quando gli dico che ho paura, che la chirurgia forse mi ruberà il futuro e la famiglia, che ho pianto dopo aver visto una paziente gonfia di chemio.

Aspetto questa vacanza, questi spazi nuovi. 
In fin dei conti siamo animali. Per quanto cambiare ci possa confondere, ci rende parimenti più attivi e concentrati.

Vi saluto

21 commenti:

  1. "finita a Roma, in un ateneo che non è esattamente il top in quanto a gesta proletarie"

    Roma 1, 2 o 3?

    Io sono passata dalla 2! (mooolti anni fa :) )

    Ciao, buon viaggio, il mar Nero ha un suo perche'! :)

    (Turchia o Bulgaria?)

    B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Nè 1, nè 2, nè tanto meno 3.
      È uno degli atenei più famosi per la sua scuola medica, annesso ad un celeberrimo ospedale romano,puoi arrivarci con poco.
      Sto attendendo ancora una risposta certa dall'agenzia, sicuramente Però toccherò la Grecia. Nella bella Istanbul ci passai anni addietro :)

      Elimina
    2. Ok, sulla base di queste informazioni inizio a credere che, se non abiti, sicuramente lavori e studi praticamente sotto casa mia ^^ vado di acronimo per continuare a mantenere il tuo riserbo in merito: UCDSC? Non credo di sbagliare ;) assurdo comunque ^^

      Ciò detto, ho un amico in scandinavia, in Finlandia nello specifico, posti freddissimi ma bellissimi! Un altro mondo comunque, questo è evidente ;)

      Elimina
    3. Abitiamo vicini. Lo vedi che devi darmi un passaggio, la prossima volta? ;)

      Elimina
    4. Ahahah, da non crederci! ^^ il mondo è così grande ma, a volte, pure tremendamente piccolo, non credo ci fossero poi tante possibilità, e invece.. ;) comunque si, a questo punto non mi costa niente darti un passaggio, nemmeno di benzina! :D

      Elimina
  2. Progetti, cambiamenti,... sono il sale della vita. Quando ci portiamo dentro delle basi solide, ogni cosa nuova non può che costruire qualcosa di bello.
    Auguri per il tuo Erasmus nordico, ma ora goditi le vacanze doc ;0)
    Daffo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora non è una certezza...
      Grazie Però, ciao daffo

      Elimina
  3. Leggendo quello che scrivi direi che da te mi farei operare, se dovessi (spero mai, ovviamente), ma se dovessi, mi fiderei di te... buona scandinavia.

    RispondiElimina
  4. Uh, meraviglia la Scandinavia.
    Sarebbe un paradiso se non fosse per l'inverno oscuro.
    Quasi quasi mi iscrivo ad un corso e chiedo pur'io di farmi un erasmus. Ad esempio a Oslo o a Trondheim... :)
    Bello bello.
    Mi rallegro per te.

    Forse inizi a comprendere che senza una rivuluzione interiore...

    RispondiElimina
  5. "In fin dei conti siamo animali. Per quanto cambiare ci possa confondere, ci rende parimenti più attivi e concentrati"
    La trovo strepitosa.
    Se è tua, me la tatuo.
    P.s. per la risposta al quesito segreto, ripasso :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizia a chiamare il tatuatore, maestra :)

      Elimina
  6. caspiterina che riflessioni!!!

    RispondiElimina
  7. l'amaro con Anita dev'essere intrigante ...

    ;-)

    RispondiElimina
  8. la scandinavia ... il futuro nn è qui.

    RispondiElimina
  9. ...sono un semplice navigatore delle stelle:) e mi fa tanto piacere sapere che da qualche parte in giro nell'immenso caos del mondo c'è gente come te! Ricambio il tuo Ciao!!! Mentre è tutto mio il grazie per te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carino. Ripassa pure, tra raccoglitori di stelle c'è sempre piacere nell'accogliersi.
      Astro

      Elimina
  10. La vita è piena di specchi ed alcuni ce li mettiamo noi, non importa come appari cambiare è normale e salutare, l'importante è non cambiare quello che hai nella testa e non mettersi troppi problemi, per il resto.... credo che non cambi mai...

    RispondiElimina

Leggere è una forma sofisticata di ascolto. Grazie, anche per le tue parole.

 

Blogger news

Blogroll

About