Pages

Labels

giovedì 6 febbraio 2014

Mala Strana

[è un Milo Manara, che ci crediate o no.]

"Io l'ho capito che hai paura, sai?"
"Non era poi così difficile da intuire, Lajiniç. Però grazie per avermi dato ascolto. Alle volte davvero non saprei con chi altri confidarmi, a chi altri far annusare il mio male."
Se c'è una cosa che Lajiniç era sempre riuscito ad annusare, quello era l'odore di pioggia prima della tempesta nell'anima di Amelja.

"Non hai sbagliato nulla, Amelja, e tra qualche giorno te lo dimostrerai."
"E' solo che ho paura."

Amelja respira con fatica, qualcuno potrebbe azzardare che abbia la voce rotta dalla pioggia (atmosferica, stavolta) e dal pianto, ma lei non concederebbe sicuro un'impertinenza allusiva simile, perlomeno alla folla.
Per questo ha aspettato di essere lontana dagli occhi dei più, di attraversare tutta la Mala Strana, il Ponte Carlo gelato dalla neve. Si è stretta nel cappotto verde di lana cotta preso ai grandi magazzini, l'anno prima e ha salutato con gli occhi il palazzo della defenestrazione prima di salirsene a casa.

Nel chiuso della sua stanza, umida di pioggia  e di panni stesi ad asciugare, gli ha telefonato.

"Dimmi che è tutto infondato, che sono solo parole."
"E' tutto infondato e sono solo parole, malinka."

"Quando sei tu a parlare, mi fido. Le cose diventano meno spaventose e si ridimensionano. Io ti credo ed il punto è che credo più a te che a me, Lajiniç."
"Riposa un pò adesso, per pranzo verrò da te e mangeremo dei Blinnè, potrei cucinartene un paio io. Ma ora riposa, è importante."

Lajiniç riattaccò, chiuse i suoi testi di anatomia normale e cercò la ricetta di sua zia Masha che aveva gettato chissà dove.
"Sarebbe buffo." Si sussurrò nella testa, con fermezza. "se solo lei sapesse quanto le nostre incertezze si somigliano..."

17 commenti:

  1. Mala Strana, Praga :)
    Una stupenda cornice che posso 'toccare con mano' proprio perché ci sono stata. Anche a me infonde un senso di romantico calore quel posto; nonostante la neve ed il freddo.

    RispondiElimina
  2. Ci sono stato, in quel quartiere... caratteristico, sì :)
    Bel racconto ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praga è una città splendida. Mi è capitato di visitarla al liceo e tuttora ne ricordo la bellezza, nonostante il birrume a basso prezzo e varie ed eventuali, dear moz.

      Elimina
  3. Come mi piace questo Lajiniç...contenitivo, caldo.
    Da innamorarsene.

    RispondiElimina
  4. ...incertezze che si somigliano, sono un buon inizio. E non scherzo.
    p.s. Io in gita scolastica andai a Budapest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sede vabbe alli, nella terra che ha adottato Rocco xD

      Elimina
  5. quante cose affiorano
    Praga, dove ho lavorato per parecchio tempo
    Mala strana, il titolo di un libro di Andrea Carlo Cappi che mi ha autografato lui poco tempo fa
    Milo Manara, un dei miei fumettisti preferito

    RispondiElimina
  6. Stando insieme, è tutto più facile e bello, e anche ciò che ci spaventa singolarmente, in due, è assolutamente e facilmente superabile. Una vera magia, dipinta molto bene in questo racconto da te citato :) Ciao! :)

    RispondiElimina
  7. A me Malastrana ricorda una pizzeria

    ;)

    RispondiElimina
  8. Io Praga credo di non averla apprezzata abbastanza quando ci sono stata. Vorrei tornarci e se dovesse succedere, questo racconto mi accompagnerà piacevolmente ;)

    RispondiElimina
  9. le incertezze son meglio delle saldature,,,

    RispondiElimina
  10. Ho avuto un sussulto quando ho letto il titolo, tanti tanti bei ricordi...
    Grazie per questo amarcord :-)

    RispondiElimina
  11. Un uomo rassicurante. Esiste?????
    Ciao, Astrolabia :)

    RispondiElimina

Leggere è una forma sofisticata di ascolto. Grazie, anche per le tue parole.

 

Blogger news

Blogroll

About